I Consigli di PakaSafaris per un safari in Kenya perfetto

Sul sito proponiamo alcuni programmi di safari che abbiamo affinato e perfezionato nel corso di questi 10 anni.

Puoi scegliere uno dei nostri safari, modificarlo e perfezionarlo oppure creare con noi il tuo programma safari personalizzato a seconda dei tuoi interessi e preferenze, del tempo a disposizione e del budget.

In tal caso ti invitiamo a contattarci tramite il nostro form.

Cosa vedere in Kenya

 Il Kenya è una delle maggiori destinazioni di safari in tutta l’Africa.

In questo meraviglioso paese potrai vedere la Grande Migrazione al Masai Mara, il Kilimanjaro al Parco Amboseli e i rinoceronti del Lago Nakuru. E ancora i grandi laghi, la Rift Valley e parchi ancora incontaminati e selvaggi come Samburu e Meru. Potrai poi terminare in bellezza sulla costa, per un soggiorno a Malindi o a Watamu, rilassandoti su una spiaggia dorata, coccolato dalle onde dell’Oceano Indiano.

Quale circuito scegliere

Circuito settentrionale con partenza da Nairobi: i grandi laghi della Rift Valley (Lago Nakuru, Lago Naivasha, Lago Vittoria, Lago Baringo, Lago Bogoria), Aberdare, Solio Ranch, Ol Pejeta, Samburu, Meru, Monte Kenya, Masai Mara.

Circuito meridionale con partenza dalla costa: Tsavo Est, Tsavo Ovest, Amboseli, Chyulu Hills.

E’ possibile inoltre unire i due circuiti attraversando i parchi più importanti da Nairobi alla costa.

Safari in aereo (se vuoi spostarti velocemente da un luogo all’altro senza trasferimenti su strada): tramite aereo privato è possibile visitare tutti i parchi del Kenya, creando qualsiasi itinerario. Sul sito proponiamo safari in aereo verso Chyulu Hills, Samburu, Ol Ari Nyiro, Masai Mara, Lewa Conservancy, Mathew Forest.

Ma nel caso volessi fare un safari in aereo verso altri parchi, ti invitiamo a contattarci per un programma personalizzato.

Quale periodo scegliere e clima

 Qualsiasi momento dell’anno è buono per visitare il Kenya.

Le stagioni in Africa subsahariana sono al contrario di quelle italiane, pertanto quando in Italia è inverno in Kenya è estate: temperature intorno ai 30° di giorno, più fresco la sera soprattutto sugli altopiani. Sulla costa di notte le temperature non scendono sotto i 25°.

Quando invece in Italia è estate in Kenya è inverno: le temperature di giorno variano dai 25 ai 30 gradi e puo’ verificarsi qualche acquazzone breve. In generale è un bel periodo per visitare il Kenya, perchè non fa ne troppo caldo ne freddo. Sugli altopiani del nord le temperature possono scendere anche fino ai 12/15 gradi verso sera.

Da aprile a giugno è la stagione delle piogge. E’ possibile fare safari anche in questo periodo, ma è consigliato preferire la stagione invernare o quella estiva, anche se i prezzi in questa stagione sono i più bassi in assoluto.

Grande Migrazione al Masai Mara: si puo’ assistere a questo incredibile evento tra i mesi di luglio e ottobre, ogni anno.

Come vestirsi quando si fa un safari

Durante il safari puoi indossare delle ciabatte comode o, se preferisci, delle scarpe da ginnastica soprattutto se è previsto il walking safari. Maglietta e pantaloncini corti. Sempre consigliato portarsi un cappellino per proteggere la testa, occhiali da sole, protezione UV.

Nel periodo invernale (luglio-agosto-settembre) se si visitano gli altopiani del nord (Ol Pejeta, Monte Kenya, Solio, Aberdare), il Masai Mara o Amboseli, è consigliato portarsi qualcosa di più pesante, perchè la sera le temperature possono scendere fino ai 12/15 gradi.

Se intendi fare il safari notturno indossa un foulard per proteggere la gola e una giacchina a vento leggera.

Non scegliere colori troppo sgargianti perchè possono spaventare gli animali. I colori più adatti per un safari sono il color kaki, il marrone e il verde, perchè ricordano la natura.

Cosa portarsi quando si fa un safari in Kenya

Ecco una lista di oggetti che potrebbero servire oppure no:

– medicine generiche. Le nostre guide hanno la propria scorta medicinale e ti possono aiutare in caso di emergenze. In ogni caso è sempre meglio avere la propria scorta con i farmaci di cui si ha bisogno abitualmente

– antizanzare. Spesso lo si trova nei campi tendati di alto livello, ma per sicurezza ti consigliamo di portarne un po.

– macchina fotografica e telecamera: non sono indispensabili, ci puo’ pensare il nostro ex operatore RAI se scegli di farti girare il video del tuo safari

– binocolo: le nostre guide mettono sempre a disposizione un binocolo per i propri ospiti, pertanto non preoccuparti se non ce l’hai

– asciugamani, shampo, bagnoschiuma e zanzariera: NON servono, i campi e lodge sono attrezzati in maniera eccellente.

Profilassi antimalarica e vaccinazioni

Per visitare il Kenya non è obbligatoria nessuna vaccinazione. E’ obbligatorio il vaccino per la febbre gialla solo in caso si arrivi dalla Tanzania.

La malaria è stata quasi del tutto debellata; rimane solamente in luoghi lontano dal turismo e con scarsa igiene. Le nostre guide non consigliano di fare alcuna profilassi per questi motivi:

– in Kenya, come in tutto il resto dell’Africa, si trova la cura! Non tutti lo sanno perchè in Europa non si trova. La cura si chiama Coartem, è sicura al 100% e costa un decimo delle pastiglie per la profilassi

– la profilassi non è sicura al 100% e fa male allo stomaco e al fegato, tanto da poter compromettere la vacanza

– nei luoghi che visiterai (costa del Kenya, parchi e riserve nazionali) il rischio di contrarre la malaria è pressochè nullo.

Nel caso si scegliesse di non optare per la profilassi, le nostre guide consigliano ai nostri ospiti di acquistare in farmacia, prima del rientro, una confezione di Coartem da portarsi in Italia, per ogni eventualità, visto e considerato che la malattia ha un’incubazione di 20 giorni.

Questo è un consiglio dettato dall’esperienza e dal fatto che le nostre guide vivono in Kenya da anni. In ogni caso, esse non sono dottori e consigliano comunque di parlare con il proprio medico di fiducia o con l’asl di competenza per maggiori informazioni.

Share This